logoat

                                                                                         

 

itenfrdeptrues

IMG 0924 E' partito oggi, con la consegna delle prime 33 nuove ambulanze, il piano regionale di reinternalizzazione dei servizi di ARES 118. Un piano triennale che porterà a riassorbire tutti i 117 mezzi (tra ambulanze ed automediche) che attualmente operano, sull'intero territorio regionale, in regime di convenzione e/o appalto con l'azienda. “Quella di oggi - ha commentato D’Amato - è una giornata storica. Queste 33 nuove ambulanze rappresentano non solo il rinnovo del parco mezzi, ma sono una scelta di fondo: ovvero noi oggi diciamo che il servizio di emergenza lo gestisce l’Ares 118.”

 “Una scelta strategica da cui non torneremo più indietro - ha continuato l'Assessore - Prevediamo che alla fine riassorbiremo tutto il servizio esternalizzato. Si chiude l’acquisizione dei servizi esterni e si apre quella del rafforzamento dell’area 118”.

Per rendere operative queste 33 ambulanze, l’Ares ha assunto anche 150 autisti e 150 infermieri e arruolato altre 100 unità di personale (50 autisti e 50 infermieri) per attivare 10 ambulanze per i trasporti secondari urgenti: questi 10 nuovi mezzi sono stati acquisiti tramite Invitalia e grazie ad un finanziamento (1 milione e 200mila euro) messo a disposizione dalla Regione Lazio (900mila euro) e dal Ministero della Salute (300mila euro).

Per il Dg di Ares 118, Paola Corradi, “procede dunque il percorso di ammodernamento con mezzi di proprietà e con a bordo personale di Ares. Questo ci fa avere un avanzamento qualitativo dell’assistenza grazie all’altissima qualità del personale. Su queste ambulanze, inoltre, i pazienti troveranno tecnologie estremamente moderne”.

A concludere è stato il presidente Zingaretti: “Otto anni fa essere commissariati significava dover guardare a tassi di mortalità molto alti per codici rossi come per infarti o ictus e all’impossibilità di investire”, queste le sue parole le sue parole.

“Oggi - ha continuato il Presidente - con i conti in ordine e senza produrre più disavanzo, possiamo fare investimenti come quello che presentiamo oggi con le nuove ambulanze che arrivano dopo quelle del Giubileo. Così migliora il servizio. Per gli infarti, ad esempio, siamo passati da un tasso di mortalità del 10% nel 2013 al 7% nel 2019.

IMG 0906

IMG 0905